Come smettere di tenersi tutto dentro

Tabella dei Contenuti

Quanta paura hai di dire ciò che pensi? 

Ci sono tante paure che frenano le persone dall’esprimere un dissenso o una opinione

Spesso l’intenzione è buona. Nessuno vuole ferire, e tutti, chi più chi meno, vogliamo evitare di generare conflitti. 

Tuttavia, se da una parte eviti i conflitti, dall’altra stai reprimendo un tuo bisogno e questo, a lungo andare, genera rabbia, senso di inadeguatezza, autogiudizio, senso di inferiorità, e una bassa autostima generalizzata che covi dentro di te inconsapevolmente. 

Questo crea una società di persone superficialmente corrette ma profondamente represse, arrabbiate e necessariamente false.

Per paura del conflitto o delle possibile conseguenze di un conflitto, diventiamo delle bombe ad orologeria con la faccia da Eckart Tolle…che quando scoppiano poi fanno danni. 

Tenersi dentro le cose nella relazione

E’ così che le coppie si separano. Non si affrontano determinati discorsi per non far soffrire l’altra persona, per tenere una relazione stabile, per la famiglia, per i figli… per un mucchio di ragioni comprensibili, ma questo non significa che quei problemi si risolveranno da soli. Significa solo che posponi la loro risoluzione a più tardi. E quando sarà il momento di risolverli, nel 90% dei casi sarà troppo tardi. I problemi saranno così tanti che da entrambe le parti sarà molto difficile trovare un compromesso. 

Le amicizie false

E così nei rapporti di amicizia. Non diciamo le cose che pensiamo davvero il nostro amico o amica per non ferirlo, per mantenere l’amicizia, ma questo genera solo un’amicizia superficiale, finta, falsa. Quante amicizie hai cosi? 

Non saper dire di no nel lavoro

E così sul lavoro. Eviti di dire ciò che pensi, ciò che credi, ciò che vorresti fare… lo fai per mantenere la situazione stabile, per non creare diverbi, per paura di essere licenziato… e così facendo odi sempre di più il tuo lavoro, pregiudicando la tua carriera, mentre vesti maschere sempre diverse in base a chi hai di fronte. 

6 cose da ricordare la prossima volta che ti tieni dentro le cose.

1 Non credere di poter prevedere le reazioni altrui.

Ognuno risponde in modo diverso alle opinioni, giudizi o idee. Non possiamo evitare di esprimere noi stessi per paura di ferire qualcuno. Ognuno è responsabile delle proprie reazioni emotive. 

2: Evitare il conflitto di sana pianta, non è una strategia valida. 

Bisogna imparare a trattare all’interno di un conflitto, comunicare, scambiarsi punti di vista ed essere anche pronti a cambiare idea, a crescere e dare ragione se necessario.  

Siamo pronti a fare questo?

Spesso no. 

3: Impara a migliorarti umilmente tramite i conflitti che ti interessano.

Evitiamo i conflitti perché sotto sotto vogliamo tenerci le nostre idee senza rischiare di metterle in dubbio fondamentalmente perchè siamo insicuri. Una persona genuina e sicura di sé, invece, andrà incontro ai conflitti con altre persone per poter migliorare e trovare compromessi vincenti per entrambe le parti. 

4: Corri il rischio di rompere gli equilibri.

Ad essere se stessi si rischia di essere abbandonati, rifiutati o derisi. E quindi? Preferisci continuare a nasconderti, o mostrarti per cio che sei, anche rischiando di rimanere solo?

5: Se non esprimi te stesso, implodi.

Esatto. Proprio così. Evitare di esprimere te stesso non fa altro che aumentare la carica emotiva inconscia, che poi causa una serie di scompensi fisici e a lungo andare, malattie. 

Se non ti esprimi fai male a te stesso. 

Ma non solo. 

6: Se non ti esprimi fai male anche agli altri. 

Tenendoti dentro quello che hai da dire, limiti non solo la tua evoluzione personale ma anche quella degli altri perché non dai la possibilità all’altro di sapere cosa non ti va bene, cosa poter migliorare o che lezione può apprendere. 

Nascondersi non è mai una strategia valida, sebbene nasca da una buona intenzione, da una morale che ci invita ad essere brave persone, ma diventa una strategia fallimentare quando viene estremizzata, il che genera una società di politicamente corretti, di vittime, di narcisisti fragili e deboli, incapaci di accettare le critiche e di imparare dai propri sbagli. 

Esprimi te stesso. Vai in contro alle conseguenza che questo comporta. Prenditi le tue responsabilità.

Amati. 

Condividi l'articolo

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi articoli come quello che hai letto e contenuti esclusivi che non pubblichiamo sul sito.

É gratuito. I tuoi dati sono protetti. Puoi cancellarti quando vuoi

Articoli simili

Sei pronto per tornare a volerti bene?

Partecipa al percorso di crescita personale e spirituale di expanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by ProofFactor - Social Proof Notifications