Cosa ti rende un perdente o un fallito

Tabella dei Contenuti

Vuoi sapere come essere un perdente di successo?

Sul lavoro fai lo stretto necessario e niente dì più. Presentati all’ultimo minuto al lavoro e vattene appena puoi. Butta via più tempo possibile. Parla con gli amici o i colleghi a lavoro e fatti i cazzi tuoi sempre al telefono o sui social. Non essere per nulla coinvolto in un gruppo di lavoro e non avere nessuna ambizione.

Non avere obiettivi per il futuro. Perché non avere obiettivi vuol dire non avere una direzione e quindi non avere un futuro. Anzi, se proprio vuoi seguire una direzione, ripeti diligentemente quello che fanno gli altri SENZA OBIETTARE e non avere sogni tuoi. Così facendo sarai sempre alle dipendenze di chi invece i sogni li ha e li persegue. Questo si che vuol dire essere un perdente, un looser!

Non migliorare. Non cercare di conoscere come sei fatto e non diventare più competente nei diversi ambiti della vita.

Non investire nella tua formazione, non studiare e non crescere. Semplicemente resta quello di sempre, con le abitudini che hai imparato e la sensazione di sentirti inutile che ti accompagnerà per sempre. 

Non organizzare il tuo tempo. Sii completamente disorganizzato e fai le cose come capitano.

Non pianificare nulla e limitati a reagire a ciò che la vita ti butta addosso. Resta nella confusione e continua a correre a destra e sinistra dietro ai casini della tua vita.

Non agire in modo pro-attivo. Aspetta sempre l’ultimo minuto e caricati di stress giornalmente.

Non esprimerti. Resta li a non fare niente. Aspetta il momento giusto che non arriverà mai e limitati a tirare fuori solo lo stretto necessario per sopravvivere.

Non sentirti mai in diritto di essere chi sei veramente. Metti sempre una maschera di fronte alle varie situazioni della vita e non farti mai vedere. 

Lamentati sempre. Guarda sempre e solo quello che non va dentro e fuori di te. Vivi nel giudizio costante e comparati sempre agli altri. Solo facendo cosí ti sentirai sempre inferiore e ti svaluterai abbastanza da rimanere inibito di fronte alla vita.

La lamentela rafforza la tua identità fallimentare. 

Continua a sperare che qualcosa possa cambiare. Non fare niente per trasformare te stesso e la tua realtà esterna. Semplicemente resta fermo nella frustrazione e continua a sperare che Dio o la vita o l’universo ti dia quello che desideri.

Fai liste di ciò che vuoi oppure visualizza un futuro per manifestarlo. 

Pensa positivo e convinciti di essere sicuro di te. Fingi di avere autostima e atteggiati sempre da forte, duro e non far vedere i tuoi sentimenti, chissà mai che qualcuno possa giudicarti come un perdente. 

Infine fai di tutto per motivarti a realizzare i tuoi desideri. Non avere relazioni sane o una buona qualità di vita. Pensa solo ad ottenere quello che credi di renderà felice, caricati di stress per i soldi, la fama, il rispetto e il tuo status sociale.

Un perdente crede che ciò che conta di più nella vita è il rispetto, il riconoscimento, l’apprezzamento e la conferma degli altri. La conferma di essere un fottuto perdente. 

Se invece il perdente, come me, lo sei già stato, ma adesso scegli di essere un vincente nella vita, è l’ora di distinguerti, uscire dalla mediocrità definitivamente e realizzare te stesso.

Ci vediamo dentro l’ambiente Expanda

Un abbraccio

Condividi l'articolo

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi articoli come quello che hai letto e contenuti esclusivi che non pubblichiamo sul sito.

É gratuito. I tuoi dati sono protetti. Puoi cancellarti quando vuoi

Articoli simili

Sei pronto per tornare a volerti bene?

Partecipa al percorso di crescita personale e spirituale di expanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by ProofFactor - Social Proof Notifications