La scienza è diventata una religione

Ultima modifica: 2018-03-12 20:52 - Autore: Devid

la scienza è diventata una religione

Esiste una credenza ampiamente sviluppata nella nostra società, per la quale la scienza avrebbe tutte le risposte riguardo la realtà che ci circonda.

E’ quel tipo di credenza per la quale la maggior parte della gente oggi giorno dice: non credo in Dio, credo nella scienza.

scienza diventa religioneAl contrario di quello che è veramente, cioè un sistema di ricerca basato su ragionamento, ipotesi, evidenze e investigazione, oggi la scienza è per abitudine diventata un sistema di dogmi e certezze preconfezionate, lontano dal suo reale significato.

Oggi la scienza rappresenta per la gran parte la visione materialistica del mondo, sorretta, come dice Rupert Sheldrake nel suo libro: The science delusion, da almeno 10 differenti dogmi, credenze della maggior parte delle persone, per cosi dire educate, della nostra società. Questa visione del mondo sorregge governi, ricerca medica ed è alla base del sistema scolastico odierno.

I 10 dogmi della scienza

Vediamoli brevemente, poi, se sei interessato ti lascio il link al libro nella descirizione:

1- La realtà è meccanica: la realtà per come la percepiamo è completamente meccanica. Noi siamo come robot e siamo programmati geneticamente, senza nulla di non strettamente logico.

2- La materia non possiede una coscienza. L’intero universo non è cosciente. Stelle, pianeti, galassie sono tutte materie senza vita. Piante e animali non hanno coscienza e, per quanto ne sappiamo neanche noi. D’altro canto la scienza moderna cerca appunto di provarlo.

3- Le leggi dell’universo sono e saranno sempre le stesse. Tutte le costanti sono fisse e non cambieranno mai. Viviamo in un sistema fisso e stabile in tutte le sue regole.

4- Il totale della massa nell’universo è sempre costante. Dal Big bang si generò quella quantità di materia e quella rimarrà per sempre.

5- In natura non esiste un proposito, un senso e qualunque cosa esiste per puro caso, senza apparente motivazione.

6- Ogni evoluzione è strettamente materiale. Noi siamo il solo prodotto della genetica e dell’epigenetica. La nostra natura perciò è solo legata alla struttura genetica e a null’altro.

7- Tutta la memoria di un uomo sta nel suo cervello. In qualche modo, anche se nessuno sa come, tutta la nostra memoria si troverebbe fissata materialmente nei punti di connessione tra i neuroni del cervello.

8- Tutta la tua coscienza sta nel tuo cervello e da nessun altra parte. Tu sei l’attività del tuo cervello è niente di più.

9- Di conseguenza, fenomeni come la telepatia non possono esistere perché la coscienza sta solo nel cervello e non può funzionare  al di fuori di esso. Perciò, intuizioni, coincidenze o altre attività psichiche sono solo illusioni. Tutti coloro che ne hanno fatto esperienza sono solo degli illusi che non dovrebbero studiare le basi di statistica e la probabilità.

10- L’unica medicina che funziona è quella meccanica, quella ufficiale perché è l’unica che agisce sulla fisicità dell’individuo, l’unico aspetto reale. Altre medicine, come la medicina cinese, ayurvedica, naturale e altre medicine complementare sono d lasciar perdere perché non hanno alcuna prova fisica. La gente che dice di essersi curata in realtà mente oppure sarebbe guarita comunque o ancora si tratterebbe di altre cause psicologiche.

Questa è la visione di base che viene promossa all’interno della psicoprigionescienza diventa religione nella quale la quasi totalità di noi vive oggi giorno. E’ una visione che serve ai capi della prigione per mantenere i prigionieri privi della speranza di uscire.

Agli occhi di molti oggi però, questi dogmi sono molto discutibili e una volta analizzati singolarmente, rivelano i loro limiti.

Entra nella community di Expanda

Scarica i contenuti gratuiti, accedi ai gruppi e rimani aggiornato sulle ultime novita'.

Smontiamo questi dogmi

Innazitutto, le leggi dell’universo non sono per nulla fisse, anzi evolvono con l’evolvere dell’universo.

Come provato negli ultimi decenni, l’universo è in eterna espansione e contrazione e cosi le loro leggi e costanti. Come spiego nel mio corso, l’universo evolve in cicli e cosi le leggi delle diverse dimensioni dell’esistenza.

Non da meno, oggi, vengono progettati strumenti sempre più avanzati per il monitoraggio delle costanti in fisica, proprio per l’evidenza di questi cambiamenti.

scienza diventa religioneCosi, la massa dell’universo è in costante cambiamento, seguendo questi cicli di evoluzione eterna.

Questo sta a significare che l’intero universo possiede una coscienza collettiva o inconscio collettivo, dove tutta la memoria di tutto l’universo è immagazzinata.

Questa sarebbe in ogni cellula di ogni essere, compreso l’uomo, le piante e gli animali. Ogni nuovo essere, basa la sua evoluzione su questa memoria evoluta e si sviluppa in accordo con essa. I geni sono un aspetto fisico di questa evoluzione, non la totalità.

E’ stato provato il fenomeno per il quale, se un topo impara una nuova abilità negli stati uniti e la impara in 10 ore, un altro topo in Cina ce ne metterà 9 e poi sempre meno, rendendo chiara l’esistenza di una memoria collettiva che fa da matrice per tutte le singole evoluzioni, anche in luoghi e tempi diversi.

Tutto ciò validerebbe tutte le antiche tradizioni, le conoscenze occulte ed esoteriche per le quali esistano diverse dimensioni dell’esistenza, che vibrano a diverse frequenze e non appaiono all’occhio umano, ma non per questo non esistono.

Telepatia e altre abilità psichiche sarebbero coltivabili, cosi come il dominio della nostra natura fisica, emotiva e mentale.

La vera medicina perciò sarebbe un modo di vivere, un senso di appartenenza a ciò che ci circonda e perciò si connetterebbe a tutte le diverse scienze, considerando non solo la parte fisica e meccanica, ma anche i corpi più sottili dell’uomo in una comprensione ben più completa dell’essere umano nel suoscienza diventa religione insieme.

La scienza è il più ragionevole approccio alla realtà e questo video non vuole promuoverne contro una ribellione. Al contrario si vuole far emergere un approccio più completo e meno conclusivo verso la realtà, quello che la scienza è nella realtà di molti studiosi.

Come diceva Karl Popper,

La scienza non è un insieme di asserzioni certe, o stabilite una volta per tutte, e non è neppure un sistema che avanzi costantemente verso uno stato definitivo. La nostra scienza non è conoscenza: non può mai pretendere di aver raggiunto la verità, e neppure un sostituto della verità come la probabilità.

La scienza quindi non deve essere una serie di credenze fisse con le quali guardare la realtà, bensi uno strumento di ricerca.

Allo stesso modo, tu stesso puoi essere il migliore strumento di ricerca attraverso il quale scoprirti, migliorarti ed elevarti a stati di coscienza, dove, quella verità che vai cercando potrà finalmente esserti rivelata.

Entra nella community di Expanda

Scarica i contenuti gratuiti, accedi ai gruppi e rimani aggiornato sulle ultime novita'.