Il lavoro su di sé nella realtà quotidiana vs lo stereotipo new age


lavoro su di sé e stereotipo newage

Si pensa spesso che iniziare un percorso di crescita spirituale voglia dire diventare delle persone più simili ad un monaco buddhista che ad un ragazzo o una ragazza di città.

Che significhi andare in giro come dei fricchettoni, hippie contornati di cose etniche, indiane, candele, incensi, pietre sparse per casa, simboli e via dicendo.

lavoro su di sé stereotipo newageSeppur questi stereotipi esistino veramente e li rispettiamo, iniziare un lavoro su di sé non vuol dire mettersi una maschera velata di mistero e misticismo e andare in giro predicando l’apertura del terzo occhio in sandali, tipo hare krishna.

Lavorare su di sé, come abbiamo visto già in altri video, vuol dire entrare nel qui ed ora, vivere l’adesso, senza aspettare il momento successivo.

Cosi, se vivi in centro a Milano e la tua vita ha una certa velocità, puoi tranquillamente continuare ad avere la vita di prima. Non devi cambiare vestiti e diventare il monaco di piazzale lodi.

Quello che cerco di dire è che lavorare su di sé è un lavoro che si può fare in qualunque situazione quotidiana.

  • Osservati mentre sei nella metro, quando stai giudicando il vestito della persona di fronte a te.
  • Nel traffico osservati mentre ti lamenti delle code in tangenziale o insulti quello davanti a te.
  • Al lavoro osserva le maschere che indossi con i diversi colleghi.

Diventa consapevole dei tuoi comportamenti e torna nel qui e ora ogni volta che lavoro su di sé stereotipo newagepuoi.

Questo fa la differenza. Questo è il lavoro.

Non devi intraprende nessun viaggio in oriente, ne camminare sui caarboni ardenti.

La meditazione non deve essere per forza fatta a gambe incrociate, seppur la posizione del loto sia una figura di riferimento per i suoi benefici fisici.

La meditazione in realtà è uno stato della mente al quale si arriva quando ci si coglie nell’atto di recitare e si ritorna al momento presente, uscendo dalla meccanicità della nostra mente.

Se sei un idraulico, mentre aggiusti il lavandino, ricordati di té. Esci dal tunnel di pensieri che avvengono automaticamente e ritorna nel qui e ora.

Se fai un lavoro ripetitivo, ancora meglio! Nisargadatta s’illumino vendendo sigarette.

Tu fa lo stesso.

Te lo dice uno che l’ha fatto. Mentre saldavo, in fabbrica, mi sforzavo di ricordarmi di mé e tutto prendeva un altro tono. Non mi interessava più se dovevo saldare 200 piedini di una struttura, tanto avevo il mio da fare a ricordarmi di mé.

lavoro su di sé stereotipo newageCi sono prigionieri che si sono illuminati dentro ad una cella. Gente che ha trovato l’estasi tra le mura di una prigione. Perciò, non fa molta differenza quali abitudini hai e dove vivi. Puoi continuare ad ascoltare heavy metal e bere birra.

Scoprendo te stesso, con il tempo, sarai tu a svelare chi sei, senza doverti rinchiudere in una scatola come fanno tutti.

 

Iscriviti alla newsletter e scarica il questionario per conoscere te stesso.

Disattiva quando vuoi

Nel qui e ora non si diventa più lenti come molti pensano.

Nel qui e ora si diventa più efficaci, più attenti, più veloci di mente. Nello spazio che creiamo con l’osservazione nascono idee, progetti, soluzioni e si è più pronti al presente.

Col tempo, ovviamente la mente si placa e si diventa più sereni, più centrati, lavoro su di sé stereotipo newagelasciando spazio all’intuizione, alla creatività.

Perciò, pensa al lavoro su di sé come un lavoro neutro senza uno stile, un credo, un’associazione, un capo, un’ideologia, senza stereotipi e soprattutto pensaci come ad un lavoro silenzioso e disciplinato che non devi raccontare a nessuno. Devi solo applicarlo.

Questa è quella che chiamano la rivoluzione silenziosa. La rivoluzione degli individui che dal loro interno cambiano il mondo smettendo di alimentare la vecchia coscienza.

Perchè non essendo più schiavi della meccanicità del proprio ego, non si è più schiavi del mondo esterno, creando per se e per gli altri una realtà migliore, un mondo migliore.

Ringraziandoti, ti invito ad iscriverti al canale youtube di Expanda ed a condividere il video di seguito.

Libro consigliato: Il risveglio spirituale nella vita quotidiana di Jeff Foster

Un abbraccio e alla prossima!

Iscriviti alla newsletter e scarica il questionario per conoscere te stesso.

Disattiva quando vuoi